Categoria: Couples Therapy

IMG_5113-2

Masters of love

Science says lasting relationships come down to—you guessed it—kindness and generosity.

Every year in Italy, about 200.000 couples will say “I do,” committing to a lifelong relationship that will be full of friendship, joy, and love that will carry them forward to their final days on this earth.

Except, of course, it doesn’t work out that way for most people. The majority of marriages fail, either ending in divorce and separation or devolving into bitterness and dysfunction. Of all the people who get married, only three in ten remain in healthy, happy marriages, as psychologist Ty Tashiro points out in his book The Science of Happily Ever After.

Worried about the impact these divorces would have on the children of the broken marriages, psychologists decided to cast their scientific net on couples, bringing them into the lab to observe them and determine what the ingredients of a healthy, lasting relationship were. Was each unhappy family unhappy in its own way, as Tolstoy claimed, or did the miserable marriages all share something toxic in common?

 “Disaster” couples showed signs of being in fight-or-flight mode in their relationships. 

Having a conversation sitting next to their spouse was, to their bodies, like facing off with a saber-toothed tiger.

Psychologist John Gottman was one of those researchers. For the past four decades, he has studied thousands of couples in a quest to figure out what makes relationships work.

John Gottman began gathering his most critical findings in 1986, when he set up “The Love Lab” with his colleague Robert Levenson at the University of Washington. Gottman and Levenson brought newlyweds into the lab and watched them interact with each other. With a team of researchers, they hooked the couples up to electrodes and asked the couples to speak about their relationship, like how they met, a major conflict they were facing together, and a positive memory they had. As they spoke, the electrodes measured the subjects’ blood flow, heart rates, and how much they sweat they produced. Then the researchers sent the couples home and followed up with them six years later to see if they were still together.

From the data they gathered, Gottman separated the couples into two major groups: the masters and the disasters. The masters were still happily together after six years. The disasters had either broken up or were chronically unhappy in their marriages. When the researchers analyzed the data they gathered on the couples, they saw clear differences between the masters and disasters. The disasters looked calm during the interviews, but their physiology, measured by the electrodes, told a different story. Their heart rates were quick, their sweat glands were active, and their blood flow was fast. Following thousands of couples longitudinally, Gottman found that the more physiologically active the couples were in the lab, the quicker their relationships deteriorated over time.

But what does physiology have to do with anything?

The problem was that the disasters showed all the signs of arousal—of being in fight-or-flight mode—in their relationships. Even when they were talking about pleasant or mundane facets of their relationships, they were prepared to attack and be attacked. This sent their heart rates soaring and made them more aggressive toward each other. For example, each member of a couple could be talking about how their days had gone, and a highly aroused husband might say to his wife, “Why don’t you start talking about your day. It won’t take you very long.”

The masters, by contrast, showed low physiological arousalThey felt calm and connected together, which translated into warm and affectionate behavior, even when they fought. It’s not that the masters had, by default, a better physiological make-up than the disasters; it’s that masters had created a climate of trust and intimacy that made both of them more emotionally and thus physically comfortable.

Gottman wanted to know more about how the masters created that culture of love and intimacy, and how the disasters squashed it. In a follow-up study in 1990, he designed a lab on the University of Washington campus to look like a beautiful bed and breakfast retreat. He invited 130 newlywed couples to spend the day at this retreat and watched them as they did what couples normally do on vacation: cook, clean, listen to music, eat, chat, and hang out. And Gottman made a critical discovery in this study—one that gets at the heart of why some relationships thrive while others languish.

Throughout the day, partners would make requests for connection, what Gottman calls “bids.”

The partner has a choice. He/she can respond by either “turning toward” or “turning away” from the partner, as Gottman puts it.

People who turned toward their partners in the study responded by engaging the bidder, showing interest and support in the bid. Those who didn’t—those who turned away—would not respond or respond minimally and continue doing whatever they were doing, like watching TV or reading the paper. Sometimes they would respond with overt hostility, saying something like, “Stop interrupting me, I’m reading.”

These bidding interactions had profound effects on marital well-being. Couples who had divorced after a six-year follow up had “turn-toward bids” 33 percent of the time. Only three in ten of their bids for emotional connection were met with intimacy. The couples who were still together after six years had “turn-toward bids” 87 percent of the time. Nine times out of ten, they were meeting their partner’s emotional needs.

By observing these types of interactions, Gottman can predict with up to 94 percent certainty whether couples—straight or gay, rich or poor, childless or not—will be broken up, together and unhappy, or together and happy several years later.

 Contempt is the number one factor that tears couples apart.

Contempt, they have found, is the number one factor that tears couples apart. People who are focused on criticizing their partners miss a whopping 50 percent of positive things their partners are doing and they see negativity when it’s not there. People who give their partner the cold shoulder—deliberately ignoring the partner or responding minimally—damage the relationship by making their partner feel worthless and invisible, as if they’re not there, not valued. And people who treat their partners with contempt and criticize them not only kill the love in the relationship, but they kill also their partner’s ability to develop and grow up.

Kindness, on the other hand, glues couples together. Research independent from theirs has shown that kindness (along with emotional stability) is the most important predictor of satisfaction and stability in a marriage. Kindness makes each partner feel cared for, understood, and validated—feel loved.

There are two ways to think about kindness. You can think about it as a fixed trait: either you have it or you don’t. Or you could think of kindness as a muscle. In some people, that muscle is naturally stronger than in others, but it can grow stronger in everyone with exercise. Masters tend to think about kindness as a muscle. They know that they have to exercise it to keep it in shape. They know, in other words, that a good relationship requires sustained hard work.

“If your partner expresses a need,” explained Julie Gottman, “and you are tired, stressed, or distracted, then the generous spirit comes in when a partner makes a bid, and you still turn toward your partner.”

In that moment, the easy response may be to turn away from your partner and focus on your iPad or your book or the television, to mumble “Uh huh” and move on with your life, but neglecting small moments of emotional connection will slowly wear away at your relationship. Neglect creates distance between partners and breeds resentment in the one who is being ignored.

The hardest time to practice kindness is, of course, during a fight—but this is also the most important time to be kind. Letting contempt and aggression spiral out of control during a conflict can inflict irrevocable damage on a relationship.

“Kindness doesn’t mean that we don’t express our anger, but the kindness informs how we choose to express the anger. You can throw spears at your partner. Or you can explain why you’re hurt and angry, and that’s the kinder path.”

For the hundreds of thousands of couples getting married —and for the millions of couples currently together, married or not—the lesson from the research is clear: If you want to have a stable, healthy relationship, exercise kindness early and often.

“A lot of times, a partner is trying to do the right thing even if it’s executed poorly. So appreciate the intent.”

One way to practice kindness is by being generous about your partner’s intentions. From the research of the Gottmans, we know that disasters see negativity in their relationship even when it is not there.

Another powerful kindness strategy revolves around shared joy. One of the telltale signs of the disaster couples Gottman studied was their inability to connect over each other’s good news. When one person in the relationship shared the good news of, say, a promotion at work with excitement, the other would respond with disinterest by shutting the conversation down with a comment like, “That’s nice.”

We’ve all heard that partners should be there for each other when the going gets rough. But research shows that being there for each other when things go right is actually more important for relationship quality. How someone responds to a partner’s good news can have dramatic consequences for the relationship.

Active constructive responding is critical for healthy relationships.

 There are many reasons why relationships fail, but if you look at what drives the deterioration of many relationships, it’s often a breakdown of kindnessAs the normal stresses of a life together pile up—with children, career, friend, in-laws, and other distractions crowding out the time for romance and intimacy—couples may put less effort into their relationship and let the petty grievances they hold against one another tear them apart. In most marriages, levels of satisfaction drop dramatically within the first few years together. But among couples who not only endure, but live happily together for years and years, the spirit of kindness and generosity guides them forward.

Ita

Anche la scienza dice che i rapporti duraturi si riducono a gentilezza e generosità.

Ogni anno in Italia, circa 200.000 coppie dicono “Lo voglio”, impegnandosi in una relazione permanente che sarà piena di amicizia, gioia e amore che li porterà a vivere insieme per tutta la vita.

Purtroppo non funziona cosi’ per tutti. La maggior parte dei matrimoni fallisce, o si conclude con il divorzio o la separazione o si trasformano in amarezza e disfunzione. Di tutte le persone che si sposano, solo tre su dieci rimangono in un matrimonio sano e felice, come sottolinea lo psicologo americano Ty Tashiro nel suo libro The Science of Happily Ever After.

Ogni famiglia infelice, e’ infelice  a modo suo, come sosteneva Tolstoj, oppure i matrimoni miserabili condividono qualcosa di tossico in comune?

Lo psicologo John Gottman ha passato gli ultimi quarant’anni a studiare migliaia di coppie in una ricerca per capire cosa fa funzionare le relazioni.

Gottman iniziò a raccogliere le sue scoperte più importanti nel 1986, quando fondò “The Love Lab” con il suo collega Robert Levenson all’Università di Washington. Gottman e Levenson hanno portato gli sposi nel laboratorio e li hanno osservati interagire l’uno con l’altro. Con un team di ricercatori, hanno agganciato le coppie agli elettrodi e hanno chiesto alle coppie di parlare della loro relazione, del modo in cui si sono incontrati, di un conflitto importante che stavano affrontando insieme e di un ricordo positivo. Mentre parlavano, gli elettrodi misuravano il flusso sanguigno dei soggetti, la frequenza cardiaca e la  sudorazione. Poi i ricercatori hanno mandato a casa le coppie e le hanno riconvocate sei anni dopo per vedere se erano ancora insieme.

Dai dati raccolti, Gottman separò le coppie in due gruppi principali: i Maestri e i Disastri.

I maestri erano le coppie ancora felici  e insieme dopo sei anni. I disastri avevano rotto o erano cronicamente infelici nei loro matrimoni. Quando i ricercatori hanno analizzato i dati raccolti sulle coppie, hanno visto chiaramente le differenze tra i maestri e i disastri.

I disastri sembravano calmi durante le interviste, ma la loro fisiologia, misurata dagli elettrodi, raccontava una storia diversa. La frequenza cardiaca era rapida, le loro ghiandole sudoripare erano attive e il loro flusso sanguigno era veloce.

Seguendo longitudinalmente migliaia di coppie, Gottman scoprì che più le coppie erano fisiologicamente attive nel laboratorio, più rapidamente le loro relazioni si deterioravano nel tempo.

Ma cosa c’entra la fisiologia con la relazione?

Il problema e’ che i disastri mostravano tutti i segni di allerta – di essere in modalità combattimento o fuga – nelle loro relazioni.

Avere una conversazione seduti accanto al proprio coniuge era, per i loro corpi, come affrontare una tigre dai denti a sciabola. Anche quando parlavano di aspetti piacevoli o banali della loro relazione, erano pronti ad attaccare e ad essere attaccati. Questo ha spinto i loro battiti cardiaci a salire e li ha resi più aggressivi l’uno verso l’altro. Faccio un esempio: uno dei due, mentre raccontano di come erano andati i loro giorni, potrebbe dire all’altro: “Perché non inizi a parlare della tua giornata. Non ti ci vorrà molto tempo.­”

I maestri, al contrario, mostravano bassa sollecitazione fisiologica. Si sentivano calmi e collegati tra loro, il che si traduceva in un comportamento caldo e affettuoso, anche quando litigavano. Non è che i maestri avessero, di default, un trucco fisiologico migliore dei disastri; è che i maestri  creato un clima di fiducia e intimità che li ha resi più aperti emotivamente e quindi fisicamente confortevoli.

Gottman pero’ voleva sapere più in dettaglio su come i maestri riescono a creare quella atmosfera  di amore e intimità e su dove invece i disastri si schiantano.

In uno studio di follow-up nel 1990, progetto’ un laboratorio nel campus dell’Universita’ di Washington che assomigliava piu’ ad un bellissimo bed and breakfast. Invito’ 130 coppie di sposini a trascorrere un weekened in questo ritiro e li ha osservati mentre facevano ciò che le coppie fanno normalmente in vacanza: cucinare, pulire, ascoltare musica, mangiare, chiacchierare e uscire. Gottman ha fatto una scoperta importante – che arriva al punto del perché alcune relazioni prosperano mentre altre languiscono.

Le persone hanno due tipi di risposta agli atteggiamenti (offerte) del partner: o le accolgono, mostrando interesse e supporto, oppure al contrario, si allontanano, non rispondono o rispondono minimamente e continuano a fare qualunque cosa stessero facendo, come guardare la TV o leggere il giornale, ecc., oppure a volte rispondono con ostilità, dicendo qualcosa come “Smetti di interrompermi, sto leggendo”.

Queste interazioni di accogliere o rifiutare, hanno profondi effetti sul benessere coniugale. Le coppie che avevano divorziato dopo un follow-up di sei anni avevano “offerte accolte” solo per il 33% delle volte. Cioe’, solo tre offerte su dieci erano state soddisfatte con l’intimità. Le coppie che erano ancora insieme dopo sei anni avevano invece “accettato le offerte” per l’87% delle volte. Nove volte su dieci, erano aperte ai bisogni emotivi del loro partner.

Osservando questi tipi di interazioni, Gottman può prevedere con una certezza fino al 94 per cento se le coppie eterosessuali o gay, ricche o povere, con figli o senza – si lasceranno o saranno insieme ma infelici, oppure insieme e felici diversi anni dopo.

“I Maestri hanno un’attitudine mentale”, ha spiegato Gottman, “che è questa: apprezzano e rispettano cio’ che il partner dice, i Disastri invece riescono a cogliere solo gli errori dei partner “.

Il disprezzo è il fattore numero uno che fa a pezzi le coppie.

Le persone che sono concentrate nel criticare i loro partner perdono un enorme 50 percento di cose positive che i loro partner stanno facendo e vedono la negatività anche quando non c’è. Le persone che ignorando deliberatamente il partner o rispondono minimamente – danneggiano la relazione facendo sentire il loro partner inutile e invisibile, come se non ci fosse, non fosse valutato. Trattando i loro partner con disprezzo e critica non solo uccidono l’amore nella relazione, ma uccidono anche la capacità del loro partner di migliorare ed evolversi.

La gentilezza, d’altra parte, tiene insieme le coppie. La ricerca ha dimostrato che la gentilezza (insieme alla stabilità emotiva) è il più importante fattore prodittivo di soddisfazione e stabilità in un matrimonio. La gentilezza fa sentire ogni partner accudito, compreso e convalidato – sentirsi amato.

Ci sono due modi di intendere la gentilezza. Si puo’ pensare come una caratteristica personale: o ce l’hai o non ce l’hai. Oppure potresti si puo pensare alla gentilezza come a un muscolo. In alcune persone, quel muscolo è naturalmente più forte che in altri, ma può diventare più forte in tutti con l’esercizio. I maestri tendono a pensare alla gentilezza come a un muscolo. Sanno che devono esercitarlo per mantenerlo in forma. Sanno, in altre parole, che una buona relazione richiede un duro lavoro continuo.

“Se il tuo partner esprime un’esigenza, e sei stanco, stressato o distratto, proprio in questi frangenti entra in gioco la generosita’”.

La risposta piu’ facile potrebbe essere quella di allontanarti dal proprio partner e farsi distrarre dall’iPad, libro, televisore, telefono e borbottare “Uh huh” e andare avanti con la propria vita, ma trascurando i piccoli momenti di connessione emotiva, si arriva a logorare lentamente la relazione. La negligenza crea la distanza tra i partner e alimenta il risentimento in colui che viene ignorato.

Il momento più difficile per praticare la gentilezza è, naturalmente, durante una lite – ma questo è anche il momento più importante per essere gentili. Lasciare che il disprezzo e la spirale di aggressione perdano il controllo durante una lite, possano infliggere un danno irrevocabile a una relazione.

“La gentilezza non significa che non esprimiamo la nostra rabbia, ma la gentilezza indica come scegliamo di esprimere la rabbia. Spiegare al proprio partner perché sei ferito e arrabbiato,questo è il percorso più gentile. “

“I disastri diranno le cose diversamente in una lite. I disastri diranno “Sei in ritardo. Cos’hai che non va? Sei proprio come tua madre. “I maestri diranno ” Mi fa star male averti preso in giro per il tuo ritardo, ma è davvero fastidioso che tu sia di nuovo in ritardo.”

Per le centinaia di migliaia di coppie che si sposano – e per i milioni di coppie attualmente insieme, sposate o meno – la lezione della ricerca è chiara: se vuoi avere una relazione stabile e sana, esercita la gentilezza presto e spesso.

Un modo per praticare la gentilezza è essere generosi riguardo alle intenzioni del proprio partner. Dalla ricerca dei Gottmans, sappiamo che i disastri vedono la negatività nella loro relazione anche quando non c’è.

Un’altra potente strategia di gentilezza ruota intorno alla gioia condivisa. Uno dei segni rivelatori delle coppie disastro era che le coppie erano incapaci di collegarsi reciprocamente alle buone notizie. Quando una persona nella relazione condivideva la buona notizia, come ad esempio, una promozione al lavoro con entusiasmo, l’altra rispondeva con disinteresse, magari chiudendo la conversazione con un commento del tipo “che bello”.

Tutti sappiamo che i partner dovrebbero essere lì l’uno per l’altro soprattutto nei momenti difficili. Ma la ricerca dimostra che essere lì l’uno per l’altro, quando le cose vanno bene è in realtà più importante per la qualità della relazione. Come si risponde alle buone notizie di un partner può avere conseguenze drammatiche per la relazione.

Tra i quattro stili di risposta, la risposta costruttiva attiva è la più gentile. Mentre gli altri stili di risposta sono letali, la risposta costruttiva attiva consente al partner di assaporare la sua gioia e offre alla coppia l’opportunità di legare le buone notizie. Nel linguaggio di Gottmans, la risposta costruttiva attiva è un modo per “rivolgersi” ai propri partner (condividendo le buone notizie) piuttosto che “allontanarsi” da esso.

Quelli che mostravano un genuino interesse per le gioie dei loro partner erano più propensi a stare insieme.

Nella maggior parte dei matrimoni, i livelli di soddisfazione calano drammaticamente nei primi anni insieme. Ma tra le coppie che non solo sopportano, ma vivono felici insieme per anni e anni, lo spirito di gentilezza e generosità li porta avanti.

Picture1

What our society says about feelings

Hide or worst don’t recognize emotions is unhealthy and dangerous Our culture divides our feelings into two kinds: …

IMG_5113-2

Masters of love

Science says lasting relationships come down to—you guessed it—kindness and generosity. Every year in Italy, about 200.000 …

IMG_3858

Feelings of love can kill libido

Low Libido in Loving Couples. Whereas one side of the love-lust dilemma is the inability to desire to one you love, the other …